Spedizione gratis: come ottenerla

Sei un Rivenditore o Installatore? Richiedici il listino

Tabaccheria o Rivendita?

Spedizione solo 5€ Spedizione solo 5€
Spedizione Gratuita sopra i 59€ Gratuita sopra i 59€
Consegna in 1-2 giorni Consegna in 1-2 giorni
Reso gratuito fino a 31 giorni Reso gratuito fino a 31 giorni
Sconti quantità Sconti Quantità
Coupon e premi Coupon & Premi
 Risparmi più di quanto pensi Risparmi più di quanto pensi
Senza abbonamenti annuali Senza abbonamenti annuali

Nel 2022 solo mascherine FFP2, perché?

signora bionda con giubbetto giallo e ffp2 bianca

Con l’arrivo del nuovo anno e la fine e la fine delle feste i bollettini giornalieri stanno nuovamente portando cattive notizie con numeri in costante aumento.

L’arrivo di nuove varianti, ancor più contagiose, per la nostra protezione dobbiamo affidarci ai dispositivi di protezione sviluppati finora.  

Mutazioni del genoma virale forniscono vantaggi selettivi a Sars-Cov-2, tra questi la maggiore trasmissibilità della variante Omicron, che anche in Italia sta diventando sempre più quella dominante. 

L’arma più efficace oltre alla vaccinazione è quella di scegliere ed utilizzare una mascherina con maggiore efficienza filtrante, le FFP2.

La maggiore richiesta di questa tipologia di mascherine ha già messo in difficoltà le aziende produttrici essendo le mascherine ancora una volta un elemento fondamentale nel controllo e contenimento del Sars-Cov e delle sue varianti.

Quanto protegge una mascherina contro le nuove varianti?

donna con cappotto sciarpa e mascherina ffp2

In Italia, ancora nessun decreto è stato rilasciato per cui vige l’obbligo di indossare mascherine FFP2. Però, finora ci sono chiari segnali che questa sia l’intenzione futura come prossima mossa nel nostro Paese.

Una nota di servizio del Ministero dello Sviluppo Economico, ad esempio, chiede che “giornalisti e operatori accreditati dovranno indossare mascherine tipo FFP2 per accedere alla conferenza stampa”.

Anche in ambito locale, alcune ordinanze hanno disposto l’uso di mascherine certificate nei luoghi a maggior rischio contagio, indicando che davanti alla nuova impennata di contagi e alla minaccia delle varianti più contagiose serve utilizzare mascherine con una più alta capacità di filtraggio.

Perché? E perché dovremmo cominciare a usarle al di là degli obblighi a livello nazionale?

Secondo i medici e gli esperti, le nuove varianti del virus rappresentano un doppio problema.

Prima di tutto, è stato osservato che chi viene contagiato da queste varianti presenta una più alta carica virale, dunque è in grado di diffondere una maggiore quantità di virus.

Dall’altro, chi entra in contatto con questo virus ha bisogno di una quantità inferiore di particelle virali per infettarsi.

Pertanto, indossare mascherine con una maggiore efficienza filtrante fornisce più protezione.

Alcuni Paesi europei, come la Germania, hanno infatti deciso di fronteggiare la situazione agendo anche sulle mascherine indossate dai cittadini, ritenendo le chirurgiche e quelle di stoffa non sufficienti a garantire un’adeguata protezione.

Le FFP2 proteggono davvero maggiormente?

signore esterno che indossa ffp2

In questi mesi complicati abbiamo imparato a muoverci nella giungla delle numerose mascherine disponibili sul mercato (FFP2chirurgiche con valvola solo per citarne alcune).

Rivediamo brevemente le caratteristiche e differenze fondamentali per distinguere il corretto utilizzo e la protezione fornita da ogni modello.

Mascherine FFP2 e FFP3

signora che indossa ffp2 bianca

Le mascherine FFP (l’acronimo sta per Filtering Face Piece) sono riconosciute come dispositivi di protezione individuale (DPI) e sono tra le più utilizzate in ambito medico.

A differenza delle chirurgiche, le FFP di tipo 2 o 3 raggiungono un’efficacia di filtraggio che si attesta tra il 95% e il 98% e offrono protezione sia a chi le indossa che a chi sta intorno.

Per essere certificate come strumento di protezione, le mascherine FFP2 e FFP3 devono rispettare quanto scritto nel Decreto Legislativo N. 475/1992 e i requisiti tecnici della norma UNI EN 149:2009.

A questo va aggiunto il marchio CE, apposto come garanzia del rispetto della norma, accompagnato da un codice di 4 numeri che identifica l’organismo che ne ha validato la certificazione.

Per quanto riguarda i dispositivi di protezione individuale, invece, potete trovare disponibili sia il modello FFP2 che FFP3.

Queste mascherine sono dotate di una capacità di filtraggio tra il 95% il 98% e sono tra le più efficaci disponibili in commercio per la lotta alla diffusione del virus SARS-CoV2.

Se stai cercando un prodotto sicuro, certificato e 100% Made in Italy, qui su Eurocali.com potete trovare i dispositivi di protezione e medici della Sicura Protection.

banner sicura protection mascherine ffp2

Stiamo parlando di un’azienda che opera esclusivamente sul territorio italiano e che produce e commercializza mascherine certificate da enti di livello europeo.

Puoi trovare dispositivi medici realizzati in TNT (tessuto non tessuto) a tre strati, che assicurano massimo comfort e protezione a chi le indossa per un utilizzo che va dalle 6 alle 8 ore di tipo II, IIR (maggiormente resistenti) e Kids (bambini dai 5 ai 14 anni).

Mascherine chirurgiche

mascherine chirurgiche blu

Le mascherine chirurgiche rientrano tra i dispositivi medici (DM) e vengono solitamente indossate con lo scopo di evitare che chi le indossi contamini l’ambiente.

Per questa ragione sono riconosciute come mascherine altruiste perché limitano la trasmissione di agenti infettivi ma proteggono in modo molto limitato chi le indossa (parliamo di un 20%).

Per poter essere considerate valide e sicure come strumento di protezione, le mascherine chirurgiche devono assicurare il rispetto della normativa sui dispositivi medici (Dir. 93/42/CEE) e la norma tecnica UNI EN 14683:2019 che ne identifica requisiti come resistenza agli schizzi, traspirabilità, efficienza di filtrazione ecc.

In conclusione vogliamo invitarti a proteggere la tua salute e quella e i tuoi cari nel modo più adatto e efficace.

Articoli in relazione

Condividi

Aggiungi un commento