Spedizione gratis: come ottenerla

Sei un Rivenditore o Installatore? Richiedici il listino

Tabaccheria o Rivendita?

Spedizione solo 5€ Spedizione solo 5€
Spedizione Gratuita sopra i 59€ Gratuita sopra i 59€
Consegna in 1-2 giorni Consegna in 1-2 giorni
Reso gratuito fino a 31 giorni Reso gratuito fino a 31 giorni
Sconti quantità Sconti Quantità
Coupon e premi Coupon & Premi
 Risparmi più di quanto pensi Risparmi più di quanto pensi
Senza abbonamenti annuali Senza abbonamenti annuali

Tatuaggi 3D: Storia e Foto dei Più Belli

Da: marilyn - Categoria: Dimensione Tatuaggio

I tatuaggi 3D sono la nuova ossessione di molti tattoo addicted.

Ai tatuatori non piace molto questo termine, preferiscono parlare di tatuaggi realistici, anche se poi per rendere l’idea bisogna sicuramente parlare di tridimensionale.

Sono tutti in grado di fare un tatuaggio 3D?

Per fare tatuaggi di questo genere bisogna avere una buona capacità di utilizzo delle ombre, sono queste infatti che determinano l’effetto 3D.

Utilizzando in modo errato la tecnica dell’ombreggiatura infatti inficerebbe l’effetto, facendo sembrare il tatuaggio più una sovrapposizione di oggetti che un pezzo realistico.

Anche l’utilizzo dei bianchi sembra essere determinante per l’esecuzione di tale tecnica: i punti in evidenza, prendendo più luce, devono risultare più chiari e il bianco può venire molto in aiuto in questo senso.

Ovviamente non bisogna strafare e occorre saper dosare il “colore” tenendo anche conto che si tratta di uno dei pigmenti che hanno più difficoltà a prendere sulla pelle.

Basta digitare tatuaggi 3D su qualsiasi social per trovarne di ogni genere, molti rappresentano animali, ma anche parti del corpo posizionate in maniera strategica per produrre un certo effetto, o fingere che ci sia qualcos’altro sotto la pelle.

Sono tatuaggi molto particolari, adatti alle persone che vogliono stupire e magari diversificarsi dalla massa, anche se in realtà sta diventando una moda.

I soggetti più amati da tatuare in 3D

Tra i soggetti più gettonati ci sono in particolare i ragni, che vanno a ricoprire in genere la spalla dando l’impressione di muoversi e tessere la loro tela, oppure i serpenti, i quali vanno di solito invece vanno ad attorcigliarsi intorno agli arti, sia inferiori che superiori.

Probabilmente questi sono soggetti privilegiati soprattutto dagli uomini, mentre le donne si rivolgono a soggetti più tenui e meno aggressivi, come per esempio le farfalle che sembrano dover spiccare il volo da un momento all’altro!

Molto amati per il pubblico femminile sono anche le api regine con il loro pungiglione in evidenza o le rondini in volo.

Altri soggetti molto amati sono quelli che richiamano i film horror. Occhi iniettati di sangue, bambole assassine, bocche spalancate con denti da vampiro in bella evidenza: il campionario è vario e spesso inquietante, ma sempre molto suggestivo.

Come abbiamo già detto, tra i più particolari ci sono anche quelli che “svelano” la nostra vera natura, ovvero quello che c’è sotto la nostra pelle: muscoli, robot, il vuoto, scritte, etc.

Insomma, sempre di più anche nella nostra cultura occidentale il tatuaggio è una vera e propria disciplina artistica, che conta un numero davvero vasto di appassionati.

I tatuaggi in anaglifo

Ma per tatuaggi 3D si intende anche qualcos’altro: i tatuaggi con la tecnica dell’anaglifo.

Uno dei tatuatori più famosi per questa tecnica è sicuramente l’americano Winston the Whale: egli mette a punto per i propri clienti dei veri e propri tatuaggi in 3D, ovvero quelli che acquistano profondità se osservati con i classici occhialini.

Come anticipato Winston the Whale rende ogni suo disegno un anaglifo, ovvero l’immagine viene sdoppiata e replicata su pelle in tonalità rosso e ciano, per diventare in questo modo un tatuaggio stereoscopico a tutti gli effetti.

Winston the Whale ha iniziato esponendo la sua idea sul Instagram e mettendo le foto di questi tatuaggi ed pochissimo tempo il suo profilo si riempito di richieste di tatuaggi arrivate da tutto il mondo.

Il successo di queste immagini ha fatto conoscere Dave (Winston the Whale) in tutto il web e gli ha fatto guadagnare l’interesse di diverse testate giornalistiche: ha raccontato poi in tutta umiltà di aver avuto l’idea da un suo cliente: “Io gli avevo suggerito un semplice teschio.

Lui, allora, mi ha chiesto se fosse possibile farlo in rosso e blu come se fosse un immagine in 3D, io ho pensato che fosse il caso di provarci“. Grazie a questa richiesta casuale, l’artista americano ha lanciato una nuova moda che potrebbe spopolare velocemente in tutti gli studi!

Condividi

Aggiungi un commento