Spedizione gratis: come ottenerla

Sei un Rivenditore o Installatore? Richiedici il listino

Tabaccheria o Rivendita?

Spedizione solo 5€ Spedizione solo 5€
Spedizione Gratuita sopra i 59€ Gratuita sopra i 59€
Consegna in 1-2 giorni Consegna in 1-2 giorni
Reso gratuito fino a 31 giorni Reso gratuito fino a 31 giorni
Sconti quantità Sconti Quantità
Coupon e premi Coupon & Premi
 Risparmi più di quanto pensi Risparmi più di quanto pensi
Senza abbonamenti annuali Senza abbonamenti annuali

Creme solari: perché è importante conoscere il fototipo della propria pelle

donna-crema-solare

Quasi un anno fa abbiamo trattato il tema dei segreti per un’abbronzatura perfetta e duratura, ma oggi ci teniamo a tornare sull’argomento per un particolare che spesso viene trascurato dagli amanti della tintarella.

Se fate parte del team del “una crema solare vale l’altra” mi sa che è arrivato il momento di rivelarvi una scomoda verità: la protezione solare va scelta conoscendo il fototipo della vostra pelle.

Cosa intendiamo con la parola fototipo? Ci affidiamo alla descrizione di my-personaltrainer.it: “Può essere definito come un metodo di classificazione utilizzato in ambito dermatologico al fine di determinare il tipo di pelle di una persona in funzione della sua sensibilità all'esposizione solare. Il fototipo di un individuo è determinato dalla quantità e dalla qualità della melanina presente nella pelle che le conferisce il suo caratteristico e unico colore”.

Ora che conoscete la definizione, in quest’articolo andremo a spiegarvi come scegliere la crema solare ideale in base al fototipo della vostra pelle.

Come scoprire il proprio fototipo?

Riconoscere il proprio fototipo è il punto di partenza essenziale per poter scegliere la crema con il giusto fattore di protezione solare.

È, infatti, fondamentale preservare la salute della pelle dai danni della scorretta esposizione alla radiazione ultravioletta della luce solare e della mancata protezione come: eritemi, scottature, bolle, macchie e invecchiamento della cute e, nel peggiore dei casi melanomi o tumori della pelle.

Ma quanti fototipi esistono? Nelle popolazioni di pelle bianca ne possiamo individuare 4 classi distinte in ordine di fotosensibilità, ma la dermatologia ne identifica 6 comprendendo anche le popolazioni con carnagioni molto scure o nere. Ecco la suddivisione:

  • Fototipo 1: carnagione lattea, occhi e capelli chiari. Si scottano molto facilmente e non si abbronzano mai
  • Fototipo 2: carnagione chiara, capelli biondi e occhi azzurri/verdi. Meno fotosensibili rispetto al tipo 1, si ustionano molto facilmente ma riescono comunque ad assumere una leggera pigmentazione
  • Fototipo 3: carnagione abbastanza chiara ma più scura rispetto ai fototipi 1 e 2, capelli biondo scuro o castano e occhi azzurri/verdi. Si scottano moderatamente e si abbronzano con gradualità raggiungendo un colorito nocciola chiaro.
  • Fototipo 4: carnagione scura o olivastra, capelli castani e occhi marroni. Si scottano poco, si abbronzano rapidamente e raggiungono un colorito nocciola scuro. Ha una pelle con pigmentazione piuttosto scura quindi difficilmente si ustiona.
  • Fototipo 5: carnagione molto scura, capelli neri e occhi marroni. Si ustionano in rari casi e ottengono un’abbronzatura molto intensa già dopo pochi giorni di esposizione al sole.
  • Fototipo 6: carnagione estremamente scura o nera, occhi marroni e capelli neri. Hanno una fotosensibilità praticamente nulla e non si scottano praticamente mai (possono comunque sviluppare melanomi in caso di eccessiva esposizione solare).

Ovviamente, è bene ricordare che questa classificazione per colore degli occhi e capelli non è sempre valida perché esistono (ovviamente) individui con caratteristiche totalmente differenti da quelle descritte poco sopra.  

Per questa ragione, in questi casi, il fattore discriminante per la determinazione del fototipo sarà senza ombra di dubbio il colore della pelle.

La giusta protezione solare in base al fototipo

protezione-solare-viso

Ora che potete identificare il vostro fototipo, possiamo vedere insieme quali sono le creme e i prodotti solari consigliati per ridurre a zero i rischi di scottature, eritemi o macchie sulla pelle.

Tutti i prodotti in vendita indicano sulla confezione un numero SPF che identifica il fattore di protezione solare che definisce la capacità di difendere la pelle dalle radiazioni UVB.

Le creme solari si distinguono in:

  • Fattore 50+: protezione molto alta
  • Fattore da 50 a 30: protezione alta
  • Fattore da 25 a 15: protezione media
  • Fattore da 10 a 6: protezione bassa

In base a quanto abbiamo visto prima, le protezioni solari con un valore di 50+ sono indicate per le persone con un fototipo 1 perché tendono a scottarsi in maniera molto rapida.

I fototipo 2, anch’essi tendenti a scottature molto frequenti, possono optare per una protezione +50 (soprattutto per il viso) per passare poi gradualmente a una con fattore da 50 a 30.

I fototipo 3 e 4 possono limitarsi a una protezione da 25 a 15 perché già più inclini all’abbronzatura e meno a rischio di fastidiose scottature. Anche in questo caso si può partire da una crema solare più “coprente” per poi mano a mano scendere di gradazione.

Per i fototipo 5 e 6 la crema solare è quasi un dettaglio superficiale ma è bene mantenere comunque la pelle idratata per prevenire la formazione di melanomi o tumori cutanei.

In questi due casi, è consigliata una crema solare con SPF 10 o 6, utile principalmente come barriera per difendere la pelle dai raggi UV.

Alcuni consigli utili per evitare danni alla pelle

Dopo quest’ampia panoramica sulle creme solari consigliate in base al fototipo della pelle, possiamo vedere alcuni consigli utili che possono tornarvi utili per prevenire la formazioni di irritazioni cutanee, eritemi o scottature.

In generale, quando ci si espone per la prima volta al sole è sempre utile applicare una protezione solare sulla pelle per proteggersi sia dai raggi UVB che dagli UVA che tendono ad agire più in profondità.

Altri fattori da tenere bene a mente prima di esporsi al sole sono:

  • L’orario: sconsigliato esporsi al sole dalle 12 alle 15, soprattutto se avete una pelle chiara e sensibile, allungabile dalle 11 alle 16 per i bambini
  • Il luogo e l’altitudine: in alta montagna è necessaria una protezione maggiore perché la quantità di radiazioni UV è collegata all’angolo di elevazione del sole
  • La radiazione riflessa: ricordate che acqua, sabbia, neve e ghiaccio riflettono la radiazione del sole come uno specchio e moltiplicano l’effetto dei raggi solari sulla pelle.

Se cercate protezioni delle migliori marche come Bilboa, Nivea o Garnier adatte per ogni fototipo (e per bambini), vi basterà visitare la sezione creme solari su Eurocali.it e aggiungere al carrello quella più adatta a voi.

Per il resto, speriamo di esservi stati utili con quest’articolo di approfondimento su come scegliere la migliore protezione solare in base al fototipo della vostra pelle.  

Condividi

Aggiungi un commento